Blüten auf gelbem Hintergrund.

Addio allergie


Un articolo di Elisa Schmidt

Addio allergie – come il CBD può aiutare con le allergie

È di nuovo quel periodo dell’anno… per molti di noi, la primavera significa naso che cola e occhi gonfi. Quasi il 10% dei tedeschi nelle aree urbane soffre di allergie ai pollini. E i pollini non sono gli unici allergeni a cui reagiamo.

Ma c’è una luce alla fine del tunnel delle allergie: il cannabidiolo. Il CBD può funzionare come un antistaminico naturale e aiutare a ridurre o,addirittura, ad alleviare i sintomi fastidiosi.

 

Cos’è in realtà un’allergia?

In poche parole, le allergie sono un malfunzionamento del sistema immunitario. Il nostro sistema immunitario è tratto in inganno da sostanze presenti nel nostro ambiente che sono tecnicamente innocue. Di conseguenza il corpo pensa che sostanze come pollini, peli di animali, alimenti, prodotti per l’igiene personale o medicinali siano dannosi per se stesso e reagisce con una reazione difensiva sproporzionata.
Quando il sistema immunitario reagisce in modo ipersensibile, rilascia istamine, e si manifestano i sintomi sgradevoli di una reazione allergica. Questi possono essere tanto vari quanto la sostanza che le provoca e comprendono irritazioni del naso e degli occhi, febbre da fieno, starnuti, tosse, costipazione, diarrea, dermatiti, infiammazioni della pelle o infezioni.

Gli allergeni (la causa scatenante della reazione allergica) esistono praticamente ovunque, quindi sfuggirvi è quasi impossibile. Ciò può rendere la vita un po’ complicata per chi soffre di allergie, sia fisicamente che mentalmente. Chiunque abbia sperimentato una reazione allergica può identificarsi in questa situazione. E coloro che soffrono di allergie ai pollini per diversi mesi all’anno sanno bene che la lotta è reale.

 

Quali rimedi aiutano contro il polline e altre allergie?

La terapia più comune per le allergie è l’assunzione di antistaminici. Tengono sotto controllo la produzione di istamina del corpo e vengono presi per ridurre i problemi di allergia. La maggior parte degli antistaminici possono essere acquistati in farmacia. Tuttavia, possono avere una serie di effetti collaterali negativi, come estrema stanchezza, nausea o difficoltà nel vedere.

Soprattutto per coloro che sono affetti da allergie ai pollini, la “dipendenza da spray nasali” è un problema nelle fasi acute. Ed è qui che entra in gioco il cannabidiolo (CBD)! Come rimedio per rafforzare il sistema immunitario e antistaminico naturale, può aiutare a ridurre o, addirittura, a sostituire completamente il bisogno dei comuni antistaminici.

 

In che modo il CBD aiuta contro le allergie?

Il CBD, abbreviazione di cannabidiolo, è uno dei più di cento tipi di cannabinoidi e, a differenza del THC, non ha un effetto psicoattivo. Ciò significa che non crea uno “sballo”. Gli oli di CBD sono prodotti da varietà legali di canapa che contengono meno dello 0,2% THC.

I cannabinoidi, tra i quali il CBD, possono effettivamente essere prodotti anche nel nostro stesso corpo! Stimolano una parte del nostro sistema nervoso chiamata sistema endocannabinoide (ECS in breve). Il nostro ECS è responsabile della riduzione del dolore e del nostro sistema immunitario. Cerca, inoltre, di tenere sotto controllo l’equilibrio naturale del corpo e lo riassetta, se necessario. Ecco come il CBD può funzionare anche da antistaminico naturale contro le allergie.

 

  • Il CBD rafforza il sistema immunitario

Quando sono presenti delle allergie, il sistema immunitario è soggetto a molto stress. Il CBD è un modo fantastico per rafforzare il sistema immunitario perché viene assorbito come un messaggero dal corpo stesso, il che ha un effetto positivo sul sistema immunitario e nervoso. L’ECS può aiutare a prevenire il rilascio di istamine, il fattore scatenante di molte reazioni allergiche.

  • Il CBD è un antinfiammatorio

I cannabinoidi sono molto utili nel trattamento delle infezioni e delle infiammazioni, un ulteriore sintomo tipico delle allergie. Se supportato dal CBD, l’ECS può sopprimere il rilascio di sostanze infiammatorie come le istamine. Ciò rende il CBD un rimedio ideale per le allergie al polline. Chi soffre di allergie può combattere attivamente il naso chiuso e la tosse fastidiosa prendendo delle gocce di CBD. Il CBD è particolarmente benefico contro i problemi respiratori e può aiutare anche i pazienti asmatici a trovare sollievo.

  • Il CBD ha un effetto antimicrobico

Molti soggetti allergici hanno problemi con la loro pelle, dall’eczema al prurito e persino al dolore. Il CBD ha un effetto antimicrobico ed è in grado di aiutare le aree interessate della pelle a guarire più rapidamente. Una barriera cutanea sana protegge il corpo dagli allergeni presenti nell’aria.

  • Il CBD calma i nervi

Le persone che soffrono di allergie conoscono anche lo stress sgradevole, l’ansia e persino gli stati d’animo depressivi che possono arrecare. Qui l’ECS gioca un ruolo in quanto regola le nostre emozioni. Con abbastanza cannabinoidi, anche i nostri livelli di serotonina aumentano. Questo significa maggiore benessere e felicità, il che rende il corpo più resistente allo stress.

 

Un sonno migliore con il CBD

Anche un sonno ristoratore può dipendere dall’ECS. L’effetto calmante del CBD è in grado di darci un sonno più profondo, che rafforza il sistema immunitario e il benessere generale. Come? Le persone che dormono meglio sono più rilassate, hanno una migliore consapevolezza di sé e iniziano meglio la giornata.

 

Il giusto dosaggio di CBD per le allergie

Ci sono così tanti prodotti al CBD per le allergie disponibili che si può scegliere tra una vasta gamma di forme di somministrazione. Le gocce di CBD, che funzionano anche come rimedio per le allergie al polline, sono particolarmente popolari perché sono precise nel dosaggio. Ci sono molte maniere di assumere le gocce di CBD.

Di solito l’olio è assorbito per via orale e le gocce vengono messe direttamente sotto la lingua. Da lì viene assorbito dalla mucosa orale. Dato che ad alcune persone non piace il sapore, l’olio può anche essere assunto con diversi alimenti, come i biscotti al CBD.

Ognuno ha una reazione diversa all’olio di CBD. Quindi è meglio iniziare con un basso dosaggio, e se funziona bene, aumentare gradualmente. Se non ci sono miglioramenti, la quantità può essere regolata, o si potrebbe anche scegliere un olio di CBD con una maggiore concentrazione di CBD.

A seconda del tipo e della gravità dell’allergia, si raccomandano oli di CBD al 5 o al 10%. La cosiddetta microdose è compresa tra 0,5 e 20 mg di CBD al giorno. Le persone con allergie leggere dovrebbero assumere il CBD come antistaminico naturale consumando 3 gocce di un olio di CBD al 5% due volte al giorno.

Nella settimana successiva, il dosaggio può essere aumentato a tre gocce due volte al giorno. Nella terza settimana, volendo , si può aumentare a 5 gocce due volte al giorno. Se i sintomi dell’allergia sono pesanti, potreste scegliere un olio di CBD al 10% ed assumere tra le 3 e le 5 gocce due volte al giorno. Per determinare il dosaggio ideale, è importante prestare attenzione al peso corporeo.

Ogni dosaggio dovrebbe essere individuale perché i risultati possono variare da persona a persona. Una volta trovato il giusto dosaggio, il CBD può funzionare come un antistaminico naturale e avere effetti positivi sul sistema immunitario e nervoso.

Per contrastare le allergie al polline o la febbre da fieno, iniziate un trattamento quotidiano con l’olio di CBD prima che cominci l’alta stagione. La quantità di gocce può essere aumentata durante la stagione allergica tra una o due gocce ogni 2 o 3 giorni, se necessario. Nei casi acuti il dosaggio può essere aumentato e anche raddoppiato senza bisogno di preoccuparsi.

Anche il tè alla canapa contiene CBD e può essere utilizzato per le infezioni della gola. Aggiungete un po’ di olio di cocco o miele al vostro tè per una bevanda calda, calmante e lenitiva. E ovviamente è anche gustosa!

Il CBD può anche essere utilizzato esternamente

Molte allergie e reazioni allergiche sono vissute sulla pelle, il che è stressante per lei e può indebolire la sua barriera naturale. L’olio di CBD può essere applicato direttamente sulle aree interessate per trattare le irritazioni della pelle. Anche quando lo usate esternamente, assicuratevi di iniziare la vostra terapia con olio di CBD utilizzando una dose ridotta di olio a bassa percentuale di CBD.

 

Conclusione: il CBD è un aiuto importante nel trattamento delle allergie

Come potete vedere, il CBD può essere un valido supporto nel trattamento dei sintomi dell’allergia, ed è dimostrato che migliora la vita quotidiana dei soggetti allergici. E c’è una grande varietà di prodotti al CBD là fuori, quindi potete trovare quello che funziona meglio per voi! Dite addio alle allergie e ai fastidiosi effetti collaterali degli antistaminici comunemente usati. Niente più allergie, niente più prodotti chimici!

0
whats app