LET'S-TALK-ABOUT-CANNABIS-IN-SPAIN-1536x1000

Parliamo Di Cannabis in Spagna… Legalmente Illegale

Poiché la Spagna è tra i primi 20 consumatori di cannabis al mondo, abbiamo deciso di dare un’occhiata più approfondita alla situazione legale. Una cosa è certa già da subito: si tratta di un aspetto complesso da affrontare.

Con quasi il 10% della popolazione che fuma cannabis, il Paese della Penisola Iberica si colloca in Europa solo dopo la Repubblica Ceca e la Francia (fonte: Statista). Eppure: la vendita di cannabis può portare a reati penali e al carcere. Quindi è legale? No. Ma l’uso personale e la coltivazione della marijuana non sono in alcun modo illegali, purché consumati a casa o in proprietà private. Quindi, come si ottiene della cannabis senza essere coinvolti in un reato penale?

Una risposta è quella di coltivare le piante privatamente. Per legge è consentito un massimo di due piante per famiglia in uno spazio non visibile al pubblico. Se questa non è un’opzione, c’è una seconda risposta: i cosiddetti “social club”.  I social club – noti anche come cannabis club – sono diffusi in tutto il Paese, per un totale di circa 700, di cui circa 400 solo nella capitale della Catalogna, Barcellona. Diventare membri permette di fumare cannabis in cambio di una quota associativa, mentre la responsabilità della coltivazione è nelle mani del club. Non di rado si parla di zona grigia. Ma in realtà i club sono totalmente legali in quanto organizzazioni private che rispettano tutti i punti della legge spagnola.

Diventare membro è legato ad alcuni requisiti, come l’età minima di 21 anni, un documento d’identità e la registrazione in Spagna. È comune che i turisti utilizzino un indirizzo AirBnb o un indirizzo collegato a un amico o simili. L’approvazione non è comunque una garanzia. Alcuni chiedono raccomandazioni da parte di soci già esistenti, altri non consentono l’adesione di nuovi membri. Pensate a uno spazio oscuro e losco che dia l’impressione di entrare in un mondo sotterraneo? Scordatevelo! La maggior parte dei locali è illuminata da luce naturale e gli spazi sono estremamente confortevoli. Tocchi d’arte e di stile, a seconda di quale scegliete, probabilmente fanno parte del pacchetto. Molte di queste associazioni si dedicano anche ad altre attività. Si possono incontrare persone che lavorano sulle scrivanie e altre che giocano a biliardo o partecipano a riunioni e seminari.

Ma è necessario guardare in faccia la realtà dei fatti: la regione autonoma della Catalogna, in particolar modo, lotta con la legge e la relativa lacuna in cui i cannabis club hanno trovato il loro diritto di esistere. C’è ancora molta strada da percorrere. Forse anni di discussioni in merito, proprio come è successo con il processo di legalizzazione per uso medico. In effetti, i social club sono stati originariamente creati con l’unico scopo di dare ai pazienti l’accesso alla cannabis, finché non sono diventati un’attrazione per il pubblico in generale.

Solo di recente è stato fatto un passo verso la legalizzazione con una nuova legge che ha approvato l’uso medico. Ma detto ciò: il come e il chi rimangono poco chiari. È stata fissata una scadenza alla fine del 2022 per definire le modalità con cui i pazienti possono acquistare legalmente le loro prescrizioni. L’Agenzia Sanitaria Spagnola è l’ente principale che lavora alla creazione di processi efficienti. Una nota in merito: in Catalogna hanno anche legalizzato il Sativex, il farmaco a base di cannabis per i pazienti affetti da sclerosi multipla e cancro.

Il progetto di legge che rende la cannabis legale per i pazienti si basa sull’idea che i medici specializzati prescrivano la proporzione di THC:CBD che poi verrà, eventualmente, distribuita attraverso le farmacie ospedaliere. Sicuramente, l’ideale sarebbe includere l’autorizzazione per i medici di base e le farmacie comunali. Ma in questa fase: non sappiamo nulla di definitivo. Si dice che in Spagna ci siano circa 300.000 pazienti che potrebbero beneficiare del farmaco. Fino a questo momento, era legale per loro usare prodotti a base di CBD che non contenessero più dello 0,2% di THC.

Con la possibilità di accedere alla cannabis per curare diversi problemi di salute, non è chiaro chi copra i costi in caso di prescrizioni. Come per l’OECM (Osservatorio Spagnolo della Cannabis Medicinale), che ha svolto un ruolo fondamentale durante tutto il processo di legalizzazione, si spera che tale costo sia a carico principalmente dell’Agenzia Sanitaria Spagnola.

E dove si colloca la legalizzazione della cannabis? Dov’era prima. Per riassumere: il CBD e l’uso medico sono legali. Ma per pensare a un processo di routine che fa assegnare l’erba da un medico e la rende accessibile come previsto sulla carta, ne dovrà passare di acqua sotto i ponti.  Cannabis per uso generale: illegale. Ma nei luoghi privati è consentito fumare la cosiddetta “ganja” e i social club rimangono il luogo di ritrovo per tutti coloro che desiderano farlo.

Continua…

Fiori CBD Gorilla Glue
Tom Hemp's

Fiori CBD Gorilla Glue

Select Options Da 9,50
Flower Gift Set 2
Tom Hemp's

Flower Gift Set 2

Select Options 48,90
% Mix Di Cime “Small Friends”
Tom Hemp's

Mix Di Cime “Small Friends”

Select Options Da 23,00

Photo: Casablanca Stock / Shutterstock

0
0
Aggiunto
Al carrello
whats app