Ultime leggi sul CBD in Europa


Un articolo di Dahlia Owusu

Leggi sul CBD in Europa – Legislazione a livello europeo e nazionale

Ci troviamo ora all’inizio di un nuovo viaggio che è cominciato nel gennaio 2019, quando la Commissione Europea ha modificato la voce nel catalogo dei “Novel Foods” per quanto riguarda i cannabinoidi.” Si definisce “Novel Food” ( Nuovo alimento) quel tipo di alimento che non era stato utilizzato per il consumo umano in misura significativa all’interno dell’Unione Europea prima del 15 maggio 1997.

Prima di questa decisione, soltanto il CBD arricchito era considerato un “Novel Food”. Adesso è stata creata una nuova voce per i Cannabinoidi e questa afferma che tutti gli estratti di canapa devono essere considerati come “Novel”. Inoltre, la voce della Cannabis sativa L. è stata modificata e solo i prodotti derivati dai semi sono stati considerati come “Novel Food”. Le foglie e i fiori sono stati lasciati in una “zona grigia”.

La modifica, nella forma di un consiglio non vincolante da parte della Commissione europea nei confronti degli Stati membri, è stata disapprovata dalla “Associazione Europea della Canapa Industriale”(EIHA), che ha definito la misura “inutile, illogica e illecita” e ha sostenuto che, anche se gli estratti di canapa non sono formalmente o legalmente vietati, molti stati europei stavano prendendo misure “sproporzionate e ingiustificate”.

Nel 1998, l’industria ha ricevuto una lettera dal Comitato Permanente del PAFF dell’UE (Plants, Animals, Food and Feed) che incoraggiava molte decisioni commerciali per i prossimi vent’anni. Quindi quella decisione del gennaio 2019 ha segnato l’inizio di un importante cambiamento nella legislazione degli Stati membri. A livello dell’Unione Europea, il CBD è stato finora considerato come un “Novel Food” non autorizzato.

Oggi, tutto questo è diventato realtà poiché la Commissione Europea ha cambiato la sua valutazione preliminare sull’olio di CBD (Olio-Cannabidiolo). Ora affermano che il composto non è un narcotico. Il cambiamento di opinione arriva dopo una sentenza in cui la Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) ha stabilito che l’olio di CBD non può essere considerato un narcotico.

Come ogni altro prodotto legale, i prodotti CBD dovrebbero ora essere in grado di muoversi tra gli stati membri. Il CBD “può essere qualificato come alimento“, ha inoltre dichiarato la Commissione europea in una lettera rilasciata lo scorso novembre 2020. La Commissione delle Nazioni Unite sugli Stupefacenti ha riclassificato la cannabis lo stesso giorno. Il che significa che il nuovo decennio vedrà un’enorme crescita nell’industria del CBD.

Modifiche nella definizione della UE

Fino ad ora, la “zona grigia” della legislazione europea era diventata ancora più grigia, sapendo che il CBD non è mai stato incluso nella lista degli integratori alimentari nell’UE.  La legislazione UE di riferimento nel settore degli integratori alimentari è la Direttiva 2002/46/CE, ma l’utilizzo di sostanze diverse dalle vitamine o dai minerali nella produzione di integratori alimentari può essere regolato da norme nazionali o può essere soggetto ad altre normative specifiche dell’UE.

La Commissione Europea ha cambiato la sua valutazione preliminare sul CBD-Oil (Olio-Cannabidiolo). Ora affermano che il composto non è un narcotico. Il cambiamento di opinione arriva dopo una sentenza in cui la Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) ha stabilito che l’olio di CBD non può essere considerato un narcotico. Come ogni altro prodotto legale, i prodotti CBD dovrebbero essere in grado di muoversi tra gli stati membri.

Il CBD “può essere qualificato come alimento”, ha dichiarato inoltre la Commissione europea in una lettera pubblicata mercoledì. La Commissione delle Nazioni Unite sugli Stupefacenti ha riclassificato la cannabis lo stesso giorno.

“Entrambe le decisioni della Commissione Europea e dell’ONU di declassificare l’olio di CBD sono molto importanti per tutta l’industria della canapa. Soprattutto perché c’è ancora molta repressione in Europa sugli utilizzi dell’olio di CBD”.

Sentenza del tribunale sugli estratti di canapa:

Bisogna anche notare che due studi scientifici presentati dall’UAMI (Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno) affermano che la cannabis, chiamata anche “canapa”, è utilizzata nel settore alimentare in diverse forme (oli, tisane) e in diverse preparazioni (tè, pasta, prodotti da forno e biscotti, bevande alcoliche o analcoliche, ecc.) Ciò è confermato dai documenti presentati dall’interveniente, i quali affermano che la canapa è utilizzata nella produzione di alcuni alimenti e bevande.

Le analisi tossicologiche effettuate su questi prodotti dimostrano che contengono una concentrazione molto bassa di THC, notevolmente inferiore alla suddetta soglia dello 0,2% e che non hanno effetti psicotropi. Infine, contrariamente a quanto sostenuto dal richiedente, secondo l’articolo 4 della direttiva 88/388 risulta che è consentito l’uso di aromi che non contengono alcun elemento o sostanza in quantità tossicologicamente pericolosa.

Queste constatazioni dimostrano quindi, contrariamente a quanto sostenuto dal richiedente, in primo luogo, che la parola “cannabis” non si riferisce solo alle droghe e a certe sostanze terapeutiche e, in secondo luogo, che la canapa è legittimamente utilizzata nella produzione di alimenti e bevande”.

“Ora che il CBD è classificato come un alimento, è logico che la Commissione Europea ignori l’applicazione dell’aggettivo “Novel” ai prodotti alimentari come gli estratti di canapa e l’olio di CBD e lo consideri completamente come un normale alimento” ha detto Cyrus Badde, CEO di CBD-Oil Online Shop CBD-kaufen.com e presidente della European Cannabinoid Association (cbd.limited).

“La ‘caccia alle streghe’ a livello europeo contro le aziende produttrici di CBD dovrebbe essere abolita immediatamente. In passato, molti di questi produttori erano sotto pressione legale perché etichettavano i loro estratti di canapa come prodotti alimentari”.

Dato che non c’è nulla di nuovo in questo alimento, non dovrebbe essere regolato più di qualsiasi altro, se rientra nel campo di applicazione della legge. Gli standard di sicurezza alimentare sono sempre esistiti e non sono mai stati messi in discussione. Ma l’estratto di canapa derivato dalla canapa industriale europea è forse l’alimento più scrutinato di tutti:

Gli agricoltori devono controllare continuamente i suoi livelli di THC. Deve rimanere entro i limiti del livello legale di THC per essere raccolto legalmente. Dichiarare CBD, CBG e altri cannabinoidi come “Novel” sembra semplicemente essere una barriera all’ingresso nel mercato per tutti gli agricoltori biologici in Europa. Il suo unico scopo è quello di tenere i piccoli giocatori fuori dal campo di gioco dei “grandi”. Gli standard di sicurezza alimentare sono stati rispettati dai produttori europei di olio di CBD molto prima che il CBD fosse dichiarato retroattivamente come “Novel Food” a partire dal 2019. Ma questa circostanza ha colpito l’intera “giovane” industria del CBD.

Al di là del suo effetto sul processo di approvazione dei Novel Foods”, la retromarcia della CE sul CBD pone le basi per un chiarimento delle leggi e dei regolamenti nazionali che lo riguardano, ove necessario, e a una più ampia accettazione dell’olio di CBD sul mercato che porta a una crescita potenzialmente rapida e a continui investimenti nel settore.

I prodotti a base di olio di CBD sono stati facilmente disponibili in Europa per anni, ma regole poco chiare hanno causato problemi di applicazione della legge per alcuni proprietari di negozi e produttori in molti paesi. Gli investitori audaci hanno scommesso a lungo sul CBDOil in Europa, ma ora potrebbero essere più inclini a farlo con i regolamenti fondamentali in vigore.

Passiamo ora in rassegna alcuni dei dettagli della legislazione così come è stata applicata finora nei paesi membri dell’UE.

Tomhemps Paprikoinkxtomhemps Harlequin Desktop Thumbnail Hd 680x850
Tom Hemp's

T-Shirt Papriko ink Harlequin

Select Options 10,00
Tomhemps Paprikoinkxtomhemps Girlscoutcookies Desktop Thumbnail Hd 680x850
Tom Hemp's

T-Shirt Papriko ink Girl Scout Cookies

Select Options 10,00
Th Product 680px 850px Apparel Sock Blue Alienhaze
Tom Hemp's

Dip Dye Socks Alien Haze

Select Options 9,90

Qual e’ la legislazione sul CBD/THC in Italia?

Alcune delle misure che gli stati europei stanno adottando possono essere illustrate da una risoluzione recentemente approvata dalla Commissione Agricola nel parlamento italiano. Propone un aumento del livello di THC nella canapa industriale proveniente da varietà dell’UE dallo 0,2 allo 0,3 %.

Questo lo metterebbe in pari con il resto del mercato globale, dato che i livelli consentiti di THC nei prodotti CBD in Nord America e Australia sono dello 0,3%. Chiede anche di regolamentare la vendita di biomassa essiccata, tritata o pellettata dell’intera pianta o delle sue parti, con un contenuto di THC non superiore allo 0,2%. Non ci sono linee guida attuali sui limiti di CBD o THC per quanto riguarda gli alimenti in Italia, e questa risoluzione chiede di definirle.

In pratica, per evitare che foglie e fiori rimangano nella “zona grigia” e per sfuggire a un’ulteriore confusione normativa, alcune aziende italiane hanno iniziato a registrare i prodotti a base di fiori di canapa CBD come mangime per animali. Tuttavia, i cannabinoidi puri come gli estratti di CBD non possono essere registrati come alimenti per animali. Anche il CBD per il cibo destinato agli animali è proibito.

Gli italiani non sono soli in questa nuova pratica. In seguito al cambiamento del “Novel Food”, molte aziende europee hanno affrontato la questione rietichettando i loro prodotti. L’azienda biotech austriaca CannHelp ha ritirato tutti i suoi oli, alimenti e cosmetici a base di CBD. L’azienda ha rietichettato gli oli in modo che siano ora classificati come “prodotti aromatici” e, come tali, li ha rimessi in commercio.

Qual e’ la legislazione sul CBD/THC in Germania?

L’ufficio federale tedesco per la tutela dei consumatori e la sicurezza alimentare (BVL) ha messo fuori legge il CBD negli alimenti e negli integratori alimentari nel marzo 2019. I prodotti contenenti cannabidiolo sono proibiti a meno che non siano stati autorizzati come prodotto medicinale o “Novel Food”. A partire da aprile, Nordic Oil e altre aziende tedesche sono state sottoposte a una serie di controlli, e i loro prodotti contenenti CBD sono stati confiscati.

Ricerche simultanee hanno preso di mira diversi negozi che vendono prodotti CBD. La Baviera è considerata lo stato federale tedesco più duro quando si tratta di cannabinoidi, ma anche i negozi in altre parti del paese, ad esempio Amburgo, sono stati perquisiti per sospetto di traffico di narcotici.

Vale la pena segnalare che il più grande mercato in Europa per le vendite di CBD è la Germania, che dovrebbe portare 1,8 miliardi di euro di vendite entro la fine dell’anno.

L’olio di CBD diventa un “Novel Food” in Spagna

Ci sono stati recenti cambiamenti normativi nello status legale dell’olio di CBD in Spagna. Il mercato della cannabis in Spagna è un misto di aziende spagnole e straniere che vendono semi, fertilizzanti, birre infuse di canapa e tinture, oli e creme di CBD. I distributori, i produttori, i “grow shop” e i venditori online operano in un mercato grigio che permette loro di vendere purché seguano certe regole.

In Spagna, qualsiasi prodotto che abbia olio di CBD come uno dei suoi componenti non può essere venduto se il livello di THC è superiore allo 0,2%. La proibizione è conforme alle leggi internazionali. Inoltre, tutti i semi per la coltivazione della canapa devono provenire dal Catalogo Europeo Approvato dei Semi di Canapa.

Nell’aprile 2019, l’Agenzia spagnola per i consumatori, la sicurezza alimentare e la nutrizione (AECOSAN) ha pubblicato una guida che afferma che gli oli di CBD, indipendentemente dal fatto che la sua origine sia naturale o sintetica, così come gli estratti e altre parti della pianta Cannabis sativa L. (fiori, foglie e steli) sono considerati “Novel Food”.

Il THC classificato come stupefacente in Svezia

A giugno, la Corte Suprema svedese ha stabilito che l’olio di CBD contenente bassi livelli di THC è classificato come narcotico. Inoltre, la corte ha dissentito con la proposta della Swedish Medical Product Agency (Agenzia svedese sui prodotti medici) di includere i prodotti per consumo orale o inalazione contenenti cannabidiolo nella legislazione farmaceutica.

La canapa industriale è esente dalla legislazione antidroga svedese, e ciò vale solo per le piante, non per i prodotti. Dal 2017, otto aziende che vendono olio di CBD come integratore alimentare sono state bandite dalla distribuzione dei loro prodotti dall’Agenzia svedese dei prodotti medici. La Svezia guida anche gli stati membri dell’UE nel numero di notifiche CBD presentate attraverso il portale del Sistema di Allerta Rapida per Alimenti e Mangimi (RASFF) dell’UE.  Su 35 notifiche, 14 provengono dalla Svezia.

Classificazione fiscale polacca sugli oli di CBD

In Polonia, la classificazione fiscale colloca gli oli di CBD nello stesso gruppo degli oli da cucina e della margarina, e quindi soggetti a un’aliquota del 5% dell’imposta sul valore aggiunto (IVA), rispetto al 23% della cannabis medica.

I rapporti locali dicono che l’Ispettorato Capo della Sanità e la polizia hanno intensificato le loro attività di applicazione nei negozi al dettaglio che vendono prodotti di CBD. Più di 20 negozi CBD polacchi sono stati sottoposti a confisca delle loro merci da parte delle forze dell’ordine.

La cannabis come “un altro tabacco da fumo” in Belgio

Un’altra novità nella legislazione europea è venuta dal Belgio in maggio, quando il Servizio delle Finanze Pubbliche (FPS Finance) ha emesso un annuncio chiarendo che “i prodotti da fumo a base di erbe contenenti CBD e un certo contenuto di THC” sono legali e appartengono alla categoria degli “altri tabacchi da fumo”.

Ha definito i prodotti come i fiori di canapa essiccati “privi di tabacco” e possono essere consumati attraverso la combustione se non contengono più dello 0,2% di THC. La Health, Food Chain Safety and the Environment (HFCSE) ha invitato i produttori a contattare le autorità prima di commercializzare qualsiasi prodotto da fumo a base di erbe. Questa misura comporta una tassa di circa il 30% e un ulteriore 21% di IVA sui fiori di canapa.

CBD in Europa: Ucraina e Slovacchia – Virtualmente illegale

L’Ucraina ha mantenuto il suo livello di THC allo 0,08% (per la produzione di semi e fibre), e la Slovacchia è l’unico paese dell’Unione Europea dove CBD e THC sono tuttora illegali. Solo la coltivazione di varietà di canapa industriale approvata dall’UE e con meno dello 0,2% di THC è legale in Slovacchia, e non può essere coltivata per estrarre CBD.

Il business farmaceutico locale sta anche cercando l’approvazione per lo sviluppo e la produzione di farmaci a base di cannabinoidi in entrambi gli stati.

Romania: secondo il diritto penale

In Romania, qualsiasi prodotto consumabile derivato dalla cannabis è regolato dal diritto penale. Tuttavia, nel 2019, un rapporto dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze ha mostrato che ci sono erbe, oli e e-liquids (liquidi per sigaretta elettronica) sul mercato rumeno.

CBD in Europa: la Bulgaria stabilirà un regolamento sul CBD

Non tutti gli stati membri dell’UE hanno annunciato l’applicazione delle linee guida per il catalogo del “Novel Food” sulla CBD, e ci sono rapporti non confermati secondo i quali la Bulgaria ha recentemente rilasciato una licenza che permetterebbe la vendita di prodotti alimentari CBD.

CBD “droga leggera” nei Paesi Bassi

I Paesi Bassi, il più grande produttore europeo di canapa, ha un quadro legislativo derivato dall’ Opium Act introdotto nel 1912, e modificato nel 1976, quando è stata introdotta la distinzione tra droghe “pesanti” e “leggere”. Secondo questa legge, il CBD non è legale ma è tollerato come una droga leggera.

L’Opium Act è stato emendato nel 1999 quando la canapa prodotta esclusivamente per il mercato della canapa da fibra con un contenuto di THC inferiore allo 0,2% è stata legalizzata. È ancora illegale produrre oli di CBD perché è illegale produrre estratti di piante, quindi la canapa viene prodotta in Olanda e poi lavorata all’estero.

Inoltre, secondo la legge olandese, il livello massimo di THC nei prodotti CBD è dello 0,05%. Gli isolati di CBD e gli estratti di THC sono proibiti per la vendita al pubblico ma permessi per l’esportazione.

Svizzera 1% di THC

In Svizzera, il livello legale di THC è dell’1%. Nel 2011 la Svizzera ha aumentato il limite che definisce la classificazione della pianta di cannabis secondo la legge sul controllo degli stupefacenti dallo 0,3% all’1% di THC.

Il numero di prodotti di cannabis in offerta contenenti CBD si è ampliato dalla metà del 2016, quando una società ha commercializzato una grande quantità di prodotto di cannabis “a basso contenuto di THC”, regolato come un “prodotto sostitutivo del tabacco” con relative avvertenze sulla salute e livelli di tassazione.

Una volta che ha cominciato a diffondersi la notizia che i prodotti contenenti meno dell’1% di THC non erano soggetti ai controlli legali sulla cannabis in Svizzera, la commercializzazione di questi prodotti a basso THC è aumentata.

Gran Bretagna – CBD legale come Novel Food

In Gran Bretagna, il più grande mercato europeo del CBD, il THC è elencato come una sostanza controllata secondo il Misuse of Drugs Act ( Legge sull’abuso di sostanze stupefacenti) del 1971. Anche il CBN (Cannabinolo) e il CBDV (Cannabidivarina) sono sostanze controllate di classe B. Solo l’isolato di CBD nella sua forma pura non è elencato come sostanza controllata.

Coltivare la propria cannabis e canapa è permesso con una licenza del Ministero dell’Interno del Regno Unito per distributori medici autorizzati o aziende che vendono supplementi nutrizionali. I prodotti di CBD venduti come integratori alimentari devono essere etichettati in conformità con il Food Supplements Regulations (Regolamenti sugli integratori alimentari) del 2003. La vendita di fiori e boccioli di canapa è proibita.

Gli estratti di CBD e altri prodotti derivati sono considerati “Novel Foods” e devono ottenere un’autorizzazione. Come ci informa la Food Standards Agency (FSA), attualmente non ci sono prodotti a base di estratto di CBD autorizzati come “Novel Foods” nel Regno Unito, e i prodotti sul mercato contravvengono alle leggi che li regolamentano.

0
whats app